Il legame indissolubile fra aggressività psicologica nella relazione genitore-figlio e i problemi di sviluppo in adolescenza e preadolescenza.


Version
Download3
Stock
File Size1.28 MB
Create Datemarzo 29, 2016
Verify CAPTCHA to Download

Qui è possibile scaricare il lavoro sperimentale conclusivo della laurea di specializzazione in psicologia clinica della dottoressa Bernardini nel settore della psicologia clinica infantile ed evolutiva. In questo lavoro si analizzano le principali teorie contemporanee sul parenting e la genitorialità Ci si concentra sia sulla genitorialità efficace, principale fattore di forza e protezione per uno sviluppo sano, caratterizzata da alto calore affettivo e recettività della famiglia, sia sulla genitorialità problematica, caratterizzata da ostilità, rigidità nelle regole educative, incoerenza e manacanza di calore affettivo. Centrale è il tema dell'"Harsh Parenting" ovvero la genitorialità aggressiva, che può esprimersi sia verbalmente che fisicamente.

Dopo la rassegna bibliografica viene effettuata una ricerca empirica sperimentale, basata su resoconti e questionari somministrati a nuclei familiari nella citta di Roma, dove l'aggressività psicologica dei genitori ( valutata in termini di aggressività verbale, induzione del senso di colpa e manipolazione psicologica) viene messa in relazione e correlata statisticamente ad esiti problematici in preadolescenza. Si evidenzia una forte correlazione statistica fra le pratiche educative aggressive psicologicamente e i problemi evolutivi dei ragazzi/e in fase puberale e preadolescenziale con un importante differenza di genere: le ragazze evidenziano maggiori problemi di tipo internalizzante (depressione, ansia, somatizzazione) laddove i ragazzi presentano esordi esternalizzanti (condotte antisociali, aggrressività, disturbi oppositivi provocatori). Tale differenza di genere potrebbe essere indicativa di un differente modo di espressione del disagio interiore fra i preadolescenti  maschi e femmine, disagio comunque legato indissolubilmente alle pratiche educative dei genitori, come si evidenzia dalla ricerca statistica effettuata dalla Dott.ssa Bernardini nel territorio della città di Roma. Tale ricerca sperimentale ha la sua conclusione nel sottolineare l'importanza di buone pratiche educative e di una genitorialità basata sul calore affettivo e sulla presenza dei genitori nello sviluppo del ragazzo, soprattutto in una fase delicata come quella puberale ed adolescenziale. E' infatti indubbio che proprio durante l'adolescenza possono verificarsi disagi e problematiche  che possono portare allo sviluppo di  psicopatologia nell'età adulta. Fondamentale è dunque l'intervento precoce e la prevenzione in preadolescenza ed adolescenza.  Tale prevenzione può essere efficace se prevede un diretto intervento di sostegno alla genitorialità con l'obiettivo di migliorare la relazione dei genitori con i ragazzi.

error: Content is protected !!